Italiani in Olanda, Italiani Europei. Italiani in Olanda, Italiani Europei. elioweb | Italiani in Olanda, Italiani Europei | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

elioweb
Italiano in Olanda Italiano in Europa


4 Referendum


4 maggio 2005


 

                     

                

                                                        



www.lomb.cgil.it/documenti/fecondazione-assistita.htm

www.comitatoreferendum.it/                                                           

www.dscastelli.it/coord/coord.html

 

E’ importante, tuttavia, sapere che all’estero il voto verrà espresso qualche giorno prima ( tutto dovrà essere pervenuto al consolato entro le ore 16 del 9 giugno2005) di quello italiano, per cui bisogna accertarsi di ricevere per tempo il plico postale dal Consolato di Amsterdam, se per caso sucedesse di non ricevere nulla, ricordarsi di PROTESTARE E RICHIEDERE IL PLICO CON URGENZA, NE AVETE IL DIRITTO, e a mio avviso anche il dovere di farlo. Riporto qui dal sito del Consolato alcune istruzioni in merito, per quanto riguarda la cronica grande difficoltà di comunicazione telefonica con il consolato mi auguro si attivino per risolvere l`eterna questione.

 

Consolato Generale d'Italia in Amsterdam

Vijzelstraat 79 - 1017 HG Amsterdam

TEL. 0031 20 5502050 - FAX 0031 20 6262444

REFERENDUM 2005


Norme in materia di procreazione medicalmente assistita”

(Legge 19 febbraio 2004, n.40)



DIRITTO DI VOTO

diritto di voto per corrispondenza ai cittadini italiani residenti all’estero


MODELLO DI OPZIONE

Modulo per andare a votare in Italia.


COMUNICATO PER I CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO


Domenica 12 giugno 2005 si svolgeranno le consultazioni per QUATTRO referendum popolari sul tema della “procreazione medicalmente assistita”.


I quesiti referendari sono così denominati:

  • Limite alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni”

  • Norme sui limiti all’accesso”

  • Norme sulle finalità, sui diritti dei soggetti coinvolti e sui limiti all’accesso”

  • Divieto di fecondazione eterologa”


I cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali, potranno partecipare al referendum votando PER CORRISPONDENZA, tramite il sistema postale.


A questo fine, il consolato competente, entro il 25 MAGGIO 2005, provvederà ad inviare per posta, al domicilio di ciascun elettore, un PLICO contenente il testo della legge sul voto all’estero, un foglio informativo che illustra le modalità di voto, il certificato elettorale, le quattro schede elettorali (una per ciascun referendum), una busta completamente bianca ed una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio consolare stesso.


L’elettore, utilizzando la busta già affrancata e seguendo le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovrà spedire SENZA RITARDO le schede elettorali votate, in modo che arrivino al proprio Consolato entro - e non oltre - le ore 16 ora locale del 9 GIUGNO 2005.


L’elettore che, alla data del 29 MAGGIO 2005, non avesse ancora ricevuto a casa il plico elettorale, potrà rivolgersi al proprio Consolato per verificare la sua posizione elettorale e chiedere un duplicato


GLI UFFICI CONSOLARI SONO A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI PER QUALSIASI ULTERIORE INFORMAZIONE





permalink | inviato da il 4/5/2005 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 aprile 2005

Da Meditare

Che cos'è la fecondazione medicalmente assistita e quando vi si ricorre?
E' l'aiuto che la scienza offre a coppie che non possono avere figli. Può inoltre aiutare coppie fertili ma portatrici di malattie ereditarie o infettive a far nascere bambini sani.

Quale legge viene sottoposta a referendum e perché?
Il referendum riguarda solo alcuni punti della legge n°40 voluta dal governo di centrodestra nel 2004. In particolare si chiede la modifica della legge su 4 temi specifici: la salute della donna, l'equiparazione dei diritti del concepito e quelli della donna, la libertà di ricerca scientifica e la cosiddetta fecondazione eterologa (cioè la fecondazione realizzata grazie a un donatore o donatrice esterno alla coppia). Si è giunti ai referendum perché il centrodestra si è opposto in Parlamento a qualsiasi modifica della legge, respingendo gli oltre 350 emendamenti migliorativi che erano stati presentati anche a nome di importanti esponenti della comunità scientifica.

Se vincono i Sì esiste il pericolo di un vuoto legislativo con il ritorno al cosiddetto "far west", vale a dire una situazione senza regole e senza controlli?
No, questo pericolo non c'è. Per due ragioni fondamentali. In primo luogo perché i referendum non chiedono l'abrogazione di tutta la legge ma solo, come abbiamo visto, di alcuni articoli che sono dannosi per milioni di donne e uomini. In secondo luogo perché già prima dell'entrata in vigore della legge 40 esisteva in Italia il codice deontologico dei medici che regolava in modo preciso le pratiche della fecondazione assistita. I referendum non vogliono il "far west". Vogliono una nuova buona legge.

Cosa implica il referendum n°1 sulla libertà di ricerca scientifica?
Ogni anno che passa la nostra speranza di vita si allunga anche perché medici e scienziati, instancabilmente, cercano e trovano nuove terapie per malattie gravissime che un tempo non si potevano curare. Una legge non può impedire che questa ricerca proceda anche al fine di guarire chi vive con la sola speranza di una terapia nuova per il suo male. Votando Sì sarà di nuovo possibile per i ricercatori usare cellule staminali prelevate da embrioni congelati non utilizzati (vale a dire cellule che, debitamente orientate, sono capaci di moltiplicarsi consentendo la cura di una serie di organi vitali). La ricerca su queste cellule è considerata decisiva per la cura di malattie gravissime come il Parkinson, il diabete, la sclerosi, il morbo di Alzheimer, i tumori. Soltanto in Italia è un problema che investe circa 12 milioni di persone alle quali non è giusto sottrarre una speranza fondata di cura, guarigione e futuro. Abbiamo rispetto per tutte le opinioni su un argomento tanto complesso e che attiene alla sfera stessa della dignità umana, ma poniamo una domanda. Può una legge decidere che un embrione ha più diritti di un bambino di dieci anni costretto sulla sedia a rotelle e che la scienza potrebbe aiutare a guarire? Votare Sì al referendum è il modo per dire che una legge - qualsiasi legge - questa decisione non la può assumere. E non per motivi giuridici o formali. Più semplicemente per il rispetto verso le persone, tutte, e per amore della vita.

E il n° 2 sulla salute della donna?
Ogni coppia che ricorre alla fecondazione assistita lo fa dopo una lunga riflessione e, facendolo, compie un atto d'amore. La donna che vuole mettere al mondo un figlio è chiamata ad affrontare un percorso impegnativo, sul piano fisico e psicologico. Il primo referendum ha l'obiettivo di aiutarla a vivere serenamente e nella sicurezza ogni passaggio del suo desiderio di maternità. Come? In cinque modi:
- Consentendo l'accesso alla fecondazione assistita anche alle coppie fertili che rischiano di trasmettere al figlio malattie genetiche ereditarie o infettive.
- Non imponendo per legge il trasferimento dell'ovulo fecondato nel corpo della donna in assenza di un suo rinnovato consenso.
- Permettendo alle coppie portatrici di malattie genetiche l'esame dell'embrione (la cosiddetta analisi preimpianto) prima del suo trasferimento nell'utero della donna. Questo per evitare l'assurdità e la violenza (anche psicologica) dell'impianto di un embrione malato e il conseguente ricorso a un aborto terapeutico.
- Consentendo il congelamento degli embrioni prodotti con le tecniche della fecondazione assistita. L'attuale divieto obbliga la donna a sottoporsi, in caso di insuccesso, a più cicli di trattamento con possibili danni per la sua salute. La conservazione degli embrioni eviterebbe questa situazione e garantirebbe alla donna il migliore trattamento possibile senza obbligarla a ricominciare sempre daccapo.
- Revocando l'obbligo di fecondare un numero massimo di tre ovuli, tutti da trasferire contemporaneamente. Quest'ultimo punto è di enorme rilievo: ogni donna ha una storia, un'età e condizioni psico-fisiche diverse. Non si può impedire al suo medico e a lei stessa di valutare come è meglio procedere nell'utilizzo delle tecniche di fecondazione. Imporre per legge il numero di embrioni da trasferire è una scelta assurda e rischiosa perché una ragazza di vent'anni o una donna di quaranta avranno, per ovvie ragioni, esigenze terapeutiche diverse. Può la legge sostituirsi al medico? Noi pensiamo che non possa avvenire e di questo si occupa il primo referendum.

E il n°3, sull'equiparazione dei diritti del "concepito" e quelli della donna?
Questo è un punto decisivo. La norma attuale assicura "al concepito", a partire dall'ovulo fecondato, ancor prima che si formi l'embrione, gli stessi diritti e la stessa tutela giuridica della madre o di un'altra qualsiasi persona nata. E' la prima volta che questo avviene nelle nostre leggi. Ciò perchè si è voluto imporre un solo punto di vista, una sola etica di parte. Si è violato così il principio di una laicità dello Stato, ricca di pluralismo etico e culturale. Le conseguenze di questa decisione sono soprattutto concrete e investono la vita di milioni di persone. Facciamo un esempio: se la legge stabilisce che "il concepito" ha gli stessi diritti di una persona nata, il medico non potrà fare nulla nel caso di un embrione con una grave patologia trasmessa geneticamente. Infine affermare, che "il concepito" ha eguali diritti della madre può divenire la premessa per mettere in discussione radicalmente la legge 194 sull'interruzione volontaria della gravidanza, legge che ha prodotto l'esito positivo della riduzione degli aborti in Italia.

E l'ultimo, il n°4, sulla fecondazione eterologa?
Bisogna fare una premessa: alla fecondazione eterologa si ricorre solamente in casi gravi di sterilità. Detto ciò, poniamoci una domanda: si è madre e padre solo quando a nostro figlio abbiamo trasmesso il nostro corredo cromosomico? In altre parole, si è madre e padre solo se il figlio è nato dalla coppia dei genitori? Come sanno tutti, le cose sono più complesse. I bambini adottati hanno un padre e una madre, a pieno titolo. Ed essi non sono meno genitori di altri solo perché il loro bambino è stato adottato. Bisogna tenere a mente questo concetto elementare per comprendere il senso del quarto referendum, che, per l'appunto, vuole consentire la fecondazione assistita anche utilizzando gameti (spermatozoi nel caso degli uomini e ovociti nelle donne) di donatori esterni alla coppia. Se in una coppia la donna accetta di usare il seme di un donatore, vietare questo tipo di fecondazione ha solo due sbocchi: impedire per sempre a quella donna di partorire o costringerla, sempre che disponga dei mezzi economici necessari, a recarsi in uno qualsiasi dei paesi dove la fecondazione eterologa è consentita. Perché vietare quello che in tutti i principali paesi europei è consentito e che era consentito anche in Italia, nei centri privati specializzati, fino all'approvazione di questa legge?
Se vincono i Sì può aprirsi la strada a una moderna eugenetica, vale a dire la possibilità di programmare in laboratorio i figli scegliendo sesso, colore degli occhi, etc.?
No, nella maniera più assoluta. Prima di tutto perché gli stessi scienziati respingono con forza questa prospettiva in linea di principio e in linea di fatto. Il codice deontologico dei medici prevede in modo esplicito che ogni intervento sul genoma umano sia teso unicamente alla prevenzione e correzione di condizioni patologiche. In altre parole i soli interventi possibili sono a scopo di cura. Quindi sono ammessi test genetici (la cosiddetta diagnosi preimpianto) solo al fine di rilevare eventuali malformazioni o malattie ereditarie e prevenire così la scelta sofferente dell'aborto. In termini più generali siamo favorevoli a limiti certi e invalicabili (clonazione umana, mamme-nonne, utero "in affitto"). Limiti che anche nel caso di vittoria dei Sì ai referendum rimarrebbero assicurati dalla normativa vigente.

La sfida sui referendum è anche una sfida tra laici e cattolici?
Neppure questa affermazione è vera. I referendum investono alcune norme di una legge dello Stato e i cattolici, e credenti al pari dei laici, hanno su questo opinioni diverse. Alcuni sono favorevoli alla legge cosi com'è, altri la vorrebbero cambiare. La realtà è che nel mondo cattolico esiste lo stesso pluralismo - cioè la stessa articolazione di opinioni - presente nel mondo laico. Questa è una ricchezza per tutti, per i cattolici e per i laici, perché consente alle persone di scegliere sulla base delle proprie convinzioni e della propria coscienza
Quali sono le ragioni fondamentali per andare a votare e votare Sì?
La ragione di fondo per andare a votare e votare Sì ènel desiderio di compiere un atto concreto di solidarie-tà verso chi oggi non può mettere al mondo un figlio.Verso chi soffre a causa di una malattia che domani lascienza potrebbe curare. Questa volta non si vota perun partito e neppure per un candidato. Si vota per unasperanza in più. Si vota per una vita migliore. Si vota per aiutare chi è malato a guarire. Si vota per dei valo-ri importanti che toccano l'esistenza quotidiana di cia-scuno di noi: vita, speranza, guarigione.
 





permalink | inviato da il 27/4/2005 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 aprile 2005

Votare è non solo segno di maturità ma anche di un raggiunto senso di solidarietà

http://www.comitatoreferendum.it/

26 Aprile 2005     

Referendum. Come votano gli italiani all’estero


In occasione dei referendum sulla procreazione medicalmente assistita, che si terranno il 12 giugno 2005, potranno esprimere il proprio voto anche gli italiani che risiedono all’estero e che sono iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero).

 

I cittadini italiani residenti all’estero e iscritti nelle liste elettorali, potranno votare – come nelle scorse occasioni del referendum sull’articolo  18 e del voto per il rinnovo dei Comites – con il sistema del voto per corrispondenza e senza l’obbligo di tornare in Italia.

 

A tal fine, dunque, il Consolato competente, entro il 25 maggio 2005, provvederà a inviare per posta, al domicilio di ciascun elettore iscritto all’AIRE, un plico contenente:

·        il testo della legge sul voto per gli italiani all’estero;

·        un foglio informativo che illustra le modalità di voto;

·        il certificato elettorale;

·        le quattro schede elettorali (una per ciascun referendum);

·        una busta completamente bianca;

·        una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio consolare stesso.

 

L’elettore, utilizzando la busta già affrancata e seguendo le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovrà spedire le schede elettorali votate (tenendo presente le scadenze indicate), in modo che arrivino al consolato di competenza entro e non oltre le ore 16:00 (ora locale) del 9 giugno 2005.

 

Gli elettori che alla data del 29 maggio 2005 non avessero ancora ricevuto presso il domicilio con il quale risultano iscritti all’AIRE il plico elettorale, potranno rivolgersi al Consolato di appartenenza per verificare la propria posizione e chiedere un duplicato del plico e della scheda elettorale.

 

Per qualsiasi altra informazione in merito a tutto il processo elettorale, gli italiani all’estero possono rivolgersi ai Consolati d’appartenenza.





permalink | inviato da il 27/4/2005 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Com.It.Es. in Olanda
4 Referendum
Informazioni da: D.S. e Unione
Circoli Italiani
Dall`Italia
Elezioni
Chiesa
L'Articolo da non perdere
Democratici di Sinistra
Immagini
Radio Onda Italiana
C.G.I.E. in Olanda
Prendici gusto
Unione Italiani nel mondo

VAI A VEDERE

Partito democratico voto italiani all'estero
Partito Democratico Trieste
ECOSY Giovani Socialisti Europei
Partito democratico
Comitato per Walter Veltroni Olanda
Unione Italiani nel Mondo
Patronato ITAL-UIL
Prendici gusto
D.S. In Olanda
dsonline
COMITES IN OLANDA
D.S. Germania Monaco
dsolanda blog
U N I O N E
D.S-Wolfsburg-Hannover
D.S. Svizzera
D.S. Belgio
D.S. e Partito Democratico
D.S. Trieste
D.S. Germania
D.S.Berlino
D.S.ONLINE TV
Lista Unitaria Progressista
Centro Italiano di Delft
Agenzia Internazionale Stampa Estero AISE
blogger democratici
CristianoSociali
ItalianiEuropei
Informazione Italiani nel Mondo
regione Friuli Venezia Giulia
Patronato ACLI in OLANDA
Patronato I.N.A.S. C.I.S.L.
C.O.I. Utrecht
Medici Senza Frontiere
Emergency
Crisi Dimenticate
informazione
Arcoiris TV
Luca Coscioni
editrice missionaria
Vita no profit on line
Beati Costruttori di Pace
Beresheet LaShalom
CIPMOCentro Italiano Pace in MedioOriente
Morasha Un Sito per Capire e molto di più
Sinistra in Israele
Nevé Shalom – Wahat as-Salam“ -
Israele-Palestina
Opposizione Israeliana
Per la pace in Israele e Palestina
PeaceReporter
Amnesty International
4 REFERENDUM
D.S. Olanda chi siamo
Unione Europea Libera circolazione delle persone asilo emigrazione

Partij van de Arbeid van Rijswijk
P.vdA
icaroflyon
GaetanoAmato
zadig
serafico
Rock No War
Rable
La Torre di Babele
garbo
effetto di senso
ilblogdibarbara
pensar
esperimento
wlamamma
Kilombo il metabolg delle sinistre
Gentecattiva
Narcomafie
Giuseppe Impastato
ITALIANI IN GERMANIA
IL Riformista
Den Haag
NESSUNO TV



Sito del Consolato Generale di Amsterdam
4 Congresso dei Democratici di Sinistra Firenze 18 / 21 aprile 2007

Blogger democratici

Il Blog di Eugenio MARINO 


alt
www.caffeeuropa.it
alt
www.reset.it













   
         Parlamento-pulito.gif

         

  





  

  


   
    4 SI Al REFERENDUM

 

 

http://www.rocknowar.org/files/rnw.asp










La Lista per un COM.IT.ES.
                   di tutti



                  L'UNIONE in
OLANDA







Diesse in Olanda,
erano piccoli ma... son cresciuti ora si chiamano P D

Torna all'home page

www.lilligruber.it 

Vai alla Homepage dell'associazione nazionale dei cittadini per l'Ulivo



     
                       

 




Trieste Friuli Venezia Giulia



Questo Blog sarà in Costruzione...perenne



CERCA