Italiani in Olanda, Italiani Europei. Italiani in Olanda, Italiani Europei. elioweb | Italiani in Olanda, Italiani Europei | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

elioweb
Italiano in Olanda Italiano in Europa


Elezioni


4 giugno 2006

Referendum confermativo 2006 L`On .Arnol Cassola ad Amsterdam

25 e 26 GIUGNO 2006     

 SI VOTA PER IL REFEREDUM CONFERMATIVO

DI LEGGE COSTITUZIONALE

 I Cittadini Italiani all’estero possono esercitare il diritto di voto per corrispondenza.

 Entro  il 7 giugno 2006  i cittadini  italiani all’estero aventi diritto al voto, riceveranno  a casa il plico elettorale e dovranno far pervenire la busta contente la scheda elettorale votata al consolato entro le 16:00 del 22 Giugno 2006

UNIONE D.S. in  OLANDA

organizza una conferenza informativa  sul referendum 

Venerdì 9 giugno 2006 alle ore 19.30

presso la Libreria Bonardi Entrepotdok 26, 1018 AD Amsterdam

www.bonardi.nl, Tel. 020-6239844 

Parteciperà Arnold Cassola, parlamentare per gli italiani all’estero  dell'Unione Prodi, e Presidente dei Verdi Europei.

In Difesa della Costituzione Italiana

                                                      VOTIAMO NO !!!

 Perchè, se questa nuova costituzione della destra dovesse essere confermata, 

 avviera’il paese verso il caos  legislativo

Perche’ attribuira’ poteri eccessivi al Primo Ministro

Perche’introdurra’ disparita’ di diritti tra cittadini di regioni diverse (sopratutto tra Nord e Sud)

Perche aumentera’ i costi di gestione  e  aumentera’ la burocrazia

Perchè ridurrà da 18 a 12 i rappresentanti degli Italiani residenti all'estero nel parlamento italia

                                                              Unione D.S. in Olanda                        elioweb     

 

 

 

Unione D.S. In Nederland organiseert een informatieve conferentie over de Bescherming van onze Italiaanse Grondwet

 

Vrijdag 9 juni 2006 om 19.30

 

Het vind plaats in Libreria Bonardi (www.bonardi.nl)

 

Libreria Bonardi: Entrepotdok 26, 1018 AD Amsterdam

Tel. 020-6239844  e-mail: lb@bonardi.nl

 

 

Italiaanse parlementair Arnold Cassola die benoemd is voor de lijst l’Unione Prodi in het Italiaanse Parlement, en president van de Europese Groene Partij.

 

 

Stem NEE op het referendum!

 

 

Vrije toegang

 

Wanneer wordt er gestemd?

 

In het buitenland (van Italië) zullen de stemmingen enkele dagen eerder worden gehouden.

De envelop met het ingevulde stembiljet moet bij het Italiaanse Consulaat worden ingeleverd vóór 16.00 uur op 22 juni 2006.

 

 

                                                 Unione D.S. in Nederland                      

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        Gegroet  ElioVergna

 




permalink | inviato da il 4/6/2006 alle 12:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


31 maggio 2006

Referendum 2006 Una lettera alla Costituzione. Cara Costituzione...

Mi è stato proposto da sergioragone una lettera alla democrazia, da scrivere e far girare nei blog, io ho scritto cara costituzione , ma l`idea originaria era cara Democrazia, dunque passo l`invito a hi lo volesse cogliere, un abbraccione a tutti ew


C
ara Costituzione... sei nata dal sacrosanto diritto di tutti di voler vivere liberi, sei nata dalle coscienze di chi libero nello spirito più non riusciva a convivere con il lato orrendo, l'espressione violenta del regime fascista che assieme alle forze naziste opprimeva il paese e ne soffocava le libertà,  perseguitando le  libere idee e lo sviluppo del pensiero democratico, inoltre deportando e uccidendo chi come unica colpa professasse la fede ebraica, questo regime fascista torturava e uccideva sistematicamente chiunque si opponesse alla sua follia, portò il nostro paese ad una sanguinosa guerra mondiale, e precipitare l`Italia in una impressionante indimenticabile guerra civile dalle dolorose conseguenze e dalle infinite lacrime, con il diffuso terrore il nazifascismo imponeva ai nostri nonni di aderire a quel regime sanguinario che appariva vestito di buono ma esprimeva il veleno dell`odio.
 
Cara Costituzione sei nata dal coraggio dello spirito libero di chi ha creduto nella libertà e nella democrazia, di chi ha resistito a tutto questo e partecipato sacrificandosi combattendo nella Resistenza liberando l`Italia il nostro paese dal terrore nazifascista.

Cara Costituzione per farti nascere i nostri nonni da giovani ti hanno regalato i loro anni migliori, in molti hanno sofferto, e in molti sono morti tra pene indescrivibili per mano di chi aveva paura dei tuoi valori e dell'espressione di libertà e uguaglianza che porti con te.

Sei nata per sancire e affermare i diritti delle persone, sei nata dal dolore dal pensiero libero dalla speranza infusa dalla fede sia politica che Cristiana, dal valore di chi ha creduto in un futuro migliore di chi ci ha creduto fino in fondo per regalare a tutti noi loro figli e gente di oggi la gioia e l`orgoglio di appartenere ad un'Italia libera, democratica, e antifascista.
Vorrei che molti ti conoscessero di piu`e vivessero coscienti dell`importanza che porti con te nel difendere i nostri diritti nel tutelare i nostri valori, nel difenderci dalle discriminazioni, nel capire quanto sia importante e bello vivere in questa società libera, in una democrazia.

Vorrei che molti ti leggessero e ne cogliessero l`attento e profondo messaggio che esprimi.
Spesso di questi tempi  viviamo situazioni che sono in netto contrasto con quanto stato pensato e scritto dai tuoi padri fondatori, e spesso ci si domanda come sia potuto succedere, perché sei stata calpestata nei tuoi articoli di libertà e uguaglianza, spesso i diritti che tu difendi e confermi, da molti non sono ascoltati o sono dimenticati, troppo spesso ci si scorda di quello che era stato ieri, e dei valori che trasmetti e porti con te. Troppo spesso ci si domanda il perché e ancora perché, perché deve essere cosi...perché c`è chi ignorandoti ti calpesta e finge miseramente di non vedere quanto scrivi, potremmo forse un giorno smetterla di essere cosi?
Eppure è cosi giusto e sacrosanto ciò che è stato pensato e scritto molti anni fa,quando dalle ceneri di un dittatura fascista nasceva una Democrazia, la nostra Democrazia,  e sarebbe opportuno si venisse a sapere e ci si vergognasse, per quale assurdo motivo spesso non si vuole coglierne lo spirito, le solite cose all`italiana? Pure quelle perché all`italiana?

Sarebbe bello e opportuno la volessimo smettere e dedicassimo solo un pensiero ai nostri nonni al bene che ci hanno voluto, e al loro valore e al loro sacrificio perché non sia stato invano, e incominciassimo a pensare di crescere, crescere senza distruggere o illudere, leggendo orgogliosi i tuoi articoli senza dimenticare quello che c`e`stato avendo ben presente in mente il messaggio di ariosa Democrazia che porti con te.

Vorrei potessimo uscire da questo benedetto analfabetismo e incominciassimo a leggerti di più perché  ora più che mai c`e`ne`il bisogno, perché ora c`e`stato qualcuno che ha pensato di cambiarti in suo favore.

Si, ti si vuole cambiare con un referendum, e non per evolverne lo spirito, ma per quel solito meschino interesse di parte che tanto squallido e misero si esprime e tanto calpesta l'essenza di libetà con cui sei stata scritta, e con cui poi sei nata.

Perciò ora più che mai dovremmo stringerci tutti assieme in un responsabile e consapevole unione di tutti, dove ognuno partecipa e ha il proprio ruolo, e dovremmo domandarci seriamente perché in questo benedetto nostro paese l`Italia deve contare l`egoismo, l`egocentrismo sfrenato, il clientelismo, la mafia assassina, il litigio perpetuo, perché non sappiamo raggiungere un livello mediocre di semplice responsabilità, perché non riusciamo a infondere e a far nascere un  coraggioso orgoglioso senso di appartenenza che costruisca partecipazione viva, e cresca in noi un senso di dignitosa giustizia, e porti poi ad uno sviluppo solidale della nazione uguale da nord a sud alla sconfitta definitiva di tutte le mafie criminali, dove con la responsabilità possa crescere umile buon senso, dove si faccia un intelligente uso delle risorse per tutti, dove è proprio l`uomo in quanto persona con i suoi diritti a contare, lui al centro di tutto, responsabile maturo dei suoi doveri, dove poi la ricchezza prodotta sia un bene da distribuire equamente, dove nessuno toglie a nessuno ciò che ha diritto, ma crea assieme i mezzi per costruire benessere opportunità solidarietà cultura per tutti, dove la tolleranza si diffonda nel rispetto sacro delle persone del loro credo, delle loro cose, dei loro diritti, e questa si chiama Democrazia e questo e`il tuo spirito cara nostra Costituzione per questo sei stata scritta, per questo dobbiamo ora diffonderti e difenderti.

Per fortuna cara Costituzione ci sei, e vogliamo che rimani cosi come sei.

Grazie di cuore a voi nostri cari nonni eroi di averla scritta per noi. 

Ne abbiamo saputo cogliere il messaggio, lo daremmo ai nostri figli perchè lo diano ai loro figli, perche` nessuno mai dovrà distruggere  il grande valore della libertà e della Democrazia della nostra Costituzione.
Elio Vergna
                                                                                                    elioweb




permalink | inviato da il 31/5/2006 alle 12:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


30 maggio 2006

Referendum 2006 il nostro NO sarà il prossimo "schiaffone" al centro destra

 

INVITIAMO  LE CITTADINE E I CITTADINI 

DELLA NOSTRA COMUNITÀ ITALIANA IN

OLANDA
A VOTARE  NO” AL REFERENDUM
]
COSTITUZIONALE

 

DICIAMO NO A QUESTA RIFORMA PERCHE’


        
  • la riforma modifica 53 articoli della seconda parte della Carta costituzionale, e tali modifiche incidono sostanzialmente anche sui principi fondamentali (articoli da 1 a 12) e sui diritti inalienabili in essi riconosciuti. La riforma mette quindi in pericolo tutta la Carta costituzionale;

 

  • il sistema federale (la cosiddetta Devolution) delineato nella riforma porta ad un drastico ridimensionamento di alcuni fondamentali diritti universali, come quello alla istruzione e alla salute, differenziando i cittadini in base alla residenza in aperta violazione della “pari dignità” sancita nell’art. 3, (la parità di tutti i cittadini italiani);

 

  • non essendo previsto un Fondo compensativo per le Regioni con minori risorse economiche si accentua la differenza tra le Regioni più ricche e quelle meno ricche, delineando così la rottura dell’unità nazionale;

 

  • il rafforzamento della figura del Premier e dei suoi poteri di condizionamento sul Parlamento porterà ad una personalizzazione esasperata della politica e alla mortificazione del dibattito parlamentare, già in atto nel nostro Paese;

 

  • il depotenziamento della figura del Presidente della Repubblica e l’ampliamento del numero dei membri della Corte Costituzionale nominati dalla maggioranza parlamentare riducono sensibilmente le garanzie in favore delle minoranze e gli strumenti di controllo sull’operato della maggioranza.


VOTA “NO” AL REFERENDUM COSTITUZIONALE


La maggioranza degli italiani ha ancora una volta ha dimostrato di non voler essere governata dal centro destra berlusconiano, incredibile quanto questi non vogliono credere alla realtà e insistono in una loro strategia comunicativa tanto assurda.
Ora concentriamoci sull`ultimo "schiaffone" il referendum confermativo.
Certo che gli riesce proprio difficile ammettere la sconfitta,  farlo sarebbe non solo una presa di coscienza ma rivelerebbe pure una voglia di cambiare.
elioweb

    
        Entro il 22 GIUGNO 2006     

 

                           VOTIAMO NO PER IL REFEREDUM CONFERMATIVO


DI LEGGE COSTITUZIONALE

 

La costituzione è legge fondamentale della Repubblica, sancisce i diritti e
doveri dei cittadini e fissa il complesso di regole relative
all`organizzazione e al funzionamento della Repubblica.


 La Costituzione della Repubblica Italiana è stata approvata dall`Assemblea
 costituente il 22 dicembre 1947 ed è entrata in vigore il 1 gennaio 1948.
 
 Da ben 58 anni ci difende da tutto ciò che è stato prima, chi l`ha scritta
 i nostri padri fondatori, hanno creduto e lottato per riuscirci,  e con
 loro tutti quelli che hanno sacrificato la loro vita opponendosi al
 totalitarismo nazifascista con la lotta di resistenza  credendo e
 costruendo un futuro di democrazia pace e uguaglianza.
 
 Non lasciamo che la distruggano, difendiamo i valori della nostra
 costituzione:
Al referendum votiamo no!

elio Vergna

Unione D.S. in Olanda

 

Voor 22 juni 2006

 

WE  STEMMEN NEE VOOR HET CONFERMATIEVE REFERENDUM VAN DE CONSTITUTIONELE GRONDWET

De grondwet is de fundamentele wet van de Republiek. Deze garandeert de rechten en plichten van de burgers
en legt het geheel aan regelgeving vast dat bepalend is voor de organisatie en voor het functioneren van de Republiek.

De Grondwet van de Italiaanse Republiek is goedgekeurd door de Vergadering op 22 december 1947 en is in werking getreden op 1 januari 1948.

Al sinds 58 jaar verdedigt deze wet ons tegen alles wat daarvoor is geweest. Onze oprichters
zij hebben erin geloofd en ervoor gestreden dat dit zou slagen, en met hen allen die hun leven hebben gegeven door tegen het totalitaire naziefascisme in opstand te komen met hun verzetsstrijd, door te geloven in en te
bouwen aan een toekomst van democratie, vrede en gelijkheid.

Laten we niet toestaan dat onze grondwet wordt vernietigd, laten we de waarden van onze grondwet verdedigen:
In het referendum stemmen we nee!
elio Vergna

                                        Unione D.S. in Nederland


elioweb 




permalink | inviato da il 30/5/2006 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


27 marzo 2006

Conclusa ad Eindhoven la campagna di presentazione candidati D.S. in Olanda


Den Haag (L'Aja) , 27-3-2006.

Si è conclusa venerdi' 24 marzo 2006 ad Eindhoven la campagna di presentazione dei candidati dell' Unione per la circoscrizione estero alla camera e al senato per le elezioni politiche 2006. Dopo la serata del 17/3 ad Amsterdam dove hanno partecipato i candidati per la camera Giovanni Pollice e per il senato Rosella Benati , il candidato per la camera  Elio Carozza ha partecipato presso il  NOVOTEL di Eindhoven venerdi 24/3 ad un incontro con la comunità' italiana residente in Olanda.

Dopo una breve nota introduttiva sul programma dell'Unione da parte del segretario dei DS in Olanda M.Battistig, l'Onorevole  Frans Timmermans (Deputato del partito laburista olandese (PvdA) nella 2de Kamer olandese) e Marije Laffeber (segretaria del dipartimento affari internazionali del PvdA) hanno anche loro dato il loro pieno appoggio alla campagna dei candidati dell'Unione, augurandosi di rivedere fra poco un governo italiano europeista, pragmatico e progressista, come quello che ha saputo alla fine degli anni novanta ridare lustro al nostro paese.

Elio Carozza ha poi ribadito l'importanza della partecipazione politica  e del voto degli Italiani residenti in Olanda per dare un nuovo governo di centro sinistra al nostro paese, che possa accogliere le aspettative delle nostre comunità all'estero. Ha sottolineato il ruolo essenziale del gruppo comune Socialista in Europa (PSE) nel promuovere gli ideali di solidarietà e di costruzione dell'Europa e ha fatto notare la compattezza della coalizione dell'Unione rispetto alla frammentazione della destra attuale.

E' seguito un breve dibattito con il pubblico in cui è stato molto apprezzato da tutti la compattezza della sinistra in queste elezioni politiche.  


Elio Vergna, del comitato per l'Unione nei Paesi Bassi. 
                                                 
                                                 




permalink | inviato da il 27/3/2006 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


26 novembre 2005

Le Elezioni Primarie in Sicilia 4 dicembre 2005


Rita Borsellino risponde alla Cgil su voto immigrati alle primarie.

Palermo, 24 novembre 2005. “Far votare anche i cittadini migranti alle primarie non può che rendere ancora più vero e partecipato questo momento democratico”. Lo dichiara Rita Borsellino rispondendo alla lettera della Cgil di Palermo che ieri aveva chiesto ai candidati alle primarie un impegno in tal senso.

“L’esercizio di cittadinanza – continua Rita Borsellino - va assicurato al maggior numero di elettori possibile con una campagna informativa mirata e con spazi appositi idonei a dare risalto a questa partecipazione. Per lo stesso motivo credo che sarebbe utile  prevedere dei 'gazebo elettorali' anche in alcune università del centro e del nord Italia così da dare voce ai tanti studenti siciliani fuorisede. Farò presente entrambe le priorità all’Unione per far sì che nessuno resti escluso da questo importante appuntamento del 4 dicembre”.




permalink | inviato da il 26/11/2005 alle 9:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 ottobre 2005

Assemblea soci al circolo Italiano di Delft, momento informativo elezioni primarie dell`ULIVO in Olanda

 

SEI INVITATO a una riunione informativa sull'argomento domenica 9 ottobre al centro SILA Bieslandsekade 68    2612JX Delft ore 14:00

Dopo la RIUNIONE SOCI che si terrà dalle h 14.00 alle h 16.00

Qui di seguito indichiamo i nomi dei candidati alla Primaria 2005.

Fausto Bertinotti

Antonio Di Pietro

Ivan Scalfarotto

Simona Panzino

Alfonso Pecoraro Scanio

Romano Prodi

Clemente Mastella

I SEGGI IN OLANDA SONO DUE:

Seggio di AMSTERDAM: Lammonggracht 6 1019RE AMSTERDAM

Seggio di DELFT: Bieslandsekade 68 2612JX DELFT Saranno aperti dalle 9:30 alle 22:00 di domenica 16 ottobre

PER VOTARE , MUNIRSI DEL PASSAPORTO O DELLA CARTA D'IDENTITA'

 

La Commissione                                  

 

 




permalink | inviato da il 4/10/2005 alle 16:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


1 ottobre 2005

La scheda elettorale




permalink | inviato da il 1/10/2005 alle 13:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


26 settembre 2005

Interessante, l' ordine del giorno dei Cristiano Sociali

Oggi propongo questa riflessione buona lettura  elioweb

APPELLO: CON PRODI LA…. “BUONA POLITICA”
Primarie dell'Unione –
16 Ottobre 2005

 

Coppie di fatto: non è saggio rifiutare una via media ragionevole
Ordine del giorno approvato dall'Esecutivo nazionale dei Cristiano Sociali
Roma, 13 settembre 2005

 
                             http://www.cristianosociali.it/


                             a presto elioweb




permalink | inviato da il 26/9/2005 alle 12:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 settembre 2005

Elezioni Primarie all`'Estero

MESSAGGIO DEI CANDIDATI DE L’UNIONE

PER LA PRIMARIA 2005 ALL’ESTERO

 

 

Le forze politiche che compongono l’Unione hanno deciso di estendere ai cittadini   italiani residenti all’estero la consultazione della "primaria 2005" con la quale sarà scelto il candidato alla Presidenza del Consiglio per le elezioni del 2006.

E’ una decisione che ci trova concordi e che assumiamo con convinzione, perché concorre a soddisfare un’esigenza di cittadinanza e prepara un evento inedito e significativo per la democrazia italiana, quello della presenza di rappresentanti diretti delle nostre comunità all’estero nel Parlamento nazionale.

Siamo convinti, infatti, che l’esercizio del voto per corrispondenza può contribuire a fare uscire gli italiani all’estero da una condizione di tutela e di cittadinanza dimezzata, perché ne favorisce l’inserimento in una dialettica civile e politica piena ed autonoma, rendendoli partecipi e protagonisti degli orientamenti che li riguardano.

Esprimiamo la comune convinzione, inoltre, che la presenza nelle aree mondiali di maggiore peso politico ed economico di comunità di origine italiana consolidate ed integrate costituisca un riferimento di grande valore per una nuova internazionalizzazione dell’Italia, che i governi di centrosinistra in passato hanno decisamente perseguito.

Una positiva proiezione nel mondo, che tanti italiani – imprenditori, professionisti, ricercatori, studenti, missionari, operatori di cooperazione e di pace – di fatto stanno da tempo realizzando, nonostante la crisi economica e finanziaria il Paese sta vivendo, anche per l’azione del governo di centrodestra, e le gravi cadute d’immagine determinate dal comportamento di alcuni suoi esponenti.

Prendiamo l’impegno di assumere i problemi ed i temi degli italiani all’estero come un riferimento significativo del programma di governo de L’Unione per la prossima legislatura.

Confermiamo l’orientamento già annunciato di presentare liste de L’Unione in tutte le ripartizioni della Circoscrizione Estero per offrire unitariamente un’alternativa di serietà e di speranza alla difficile condizione in cui l’Italia è caduta negli ultimi anni, per evitare conflittualità e personalismi nocivi all’immagine del Paese in importanti realtà del mondo e per dare una prova coerente di un impegno politico inteso come responsabilità e servizio
 
                                                                                                                                 
                                                                                               Fausto Bertinotti

Antonio Di Pietro

Clemente Mastella

Simona Panzino

Alfonso Pecoraio Scanio

Romano Prodi

Ivan Scalfarotto


 

 

 



                                                          

    


    

 




permalink | inviato da il 25/9/2005 alle 18:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 settembre 2005

Ora è attivo il sito dell`U N I O N E

                    Questo è il link del tanto atteso sito
               
                     http://www.unioneweb.it/ 


  D.S.Rijswijk                   by  elioweb      


La sezione dei D.S.Olanda  Rijswijk e l' Unione in Olanda stanno organizzando le Elezioni Primarie in questo paese, stiamo aspettando che arrivi il materiale da Roma, a giorni comunicheremo come fare per votare, vista la nostra situazione cerchiamo di pensare ad una soluzione efficiente e poco costosa, siete vivamente tutti invitati a partecipare e collaborare per la buona riuscita di questo momento di libera espressione .

Si può leggere il regolamento delle primarie all`estero cliccando
  
QUIhttp://www.unioneweb.it/regolamenti/regolamento-estero/

Salutandovi vi ringrazio
    Elio :  )

Vi segnalo la mailing del gruppo unione-olanda per partecipare alla discussione ci si deve iscrivere.

http://it.groups.yahoo.com/group/unione-olanda/ 

Buon Lavoro Elioweb           
a buon intenditor poche parole






permalink | inviato da il 22/9/2005 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


13 settembre 2005

Per votare all`estero ci si deve iscrivere all`A.I.R.E qualche notizia in merito, più in basso seguono i miei comunicati

Per votare all`estero si deve essere iscritti all`A.I.R.E. ecco cosa devi fare e cosa e`questo registro:

AIRE: Anagrafe della popolazione italiana residente all'estero

Cos'è l'AIRE?

L’AIRE, istituita nel 1988, è l’anagrafe della popolazione italiana residente all’estero. E’ parte integrante dell’anagrafe italiana e contiene i dati di tutti i cittadini che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi.

E' importante iscriversi all'AIRE?

E’ molto importante. L’AIRE consente allo Stato italiano di:

  • garantire e facilitare l’esercizio dei diritti politici (il voto politico, il voto e le candidature per gli organismi rappresentativi);
  • programmare in modo più razionale gli interventi della Pubblica Amministrazione a favore delle comunità degli italiani residenti all’estero;
  • erogare i servizi amministrativi e gli interventi di assistenza previsti per i cittadini italiani residenti all’estero.

Chi deve iscriversi all'AIRE?

Si devono iscrivere:

  • i cittadini italiani che hanno trasferito la loro residenza all’estero;
  • le persone nate all’estero che hanno acquistato la cittadinanza italiana per nascita;
  • le persone che hanno acquisito la cittadinanza italiana all’estero.

Chi NON deve iscriversi all'AIRE?

Non si devono iscrivere:

  • i cittadini che si recano all’estero temporaneamente o stagionalmente per una durata non superiore ai dodici mesi.

Come si aggiorna l'AIRE?

L’aggiornamento dipende da ognuno di noi. Ogni cittadino italiano residente all’estero deve comunicare al competente Ufficio Consolare:

  • il trasferimento della residenza o dell’abitazione;
  • le modifiche dello stato civile(matrimoni, divorzi, nascite, etc.);
  • il cambiamento della qualifica professionale e del titolo di studio;
  • ogni altra modifica anagrafica.

Inoltre i cittadini italiani sono tenuti ad avvertire il Consolato quando rientrano definitivamente in Italia, quando si verifica un decesso in famiglia, quando perdono la cittadinanza italiana.

Come iscriversi all'AIRE?

Iscriversi all’AIRE è semplicissimo. Basta recarsi presso l’Ufficio Consolare competente e fornire le notizie anagrafiche indicate in un modulo che sarà compilato dal funzionario incaricato. L'Ufficio consolare invierà quindi il modulo al Comune italiano nel quale avverrà l’iscrizione. I cittadini possono anche iscriversi direttamente all’AIRE del proprio Comune italiano al momento di trasferire all’estero la propria residenza. Si richiamano qui di seguito alcuni punti di particolare importanza concernenti l’iscrizione AIRE dettati dalla legge 27.10.1988, n. 470 (Anagrafe e Censimento degli Italiani all’Estero) e dal DPRDPR 6.10.1989 n. 323 (Regolamento di esecuzione della legge n.470): Le anagrafi dei cittadini italiani residenti all’estero sono tenute presso i Comuni in Italia. Nei registri AIRE devono essere registrate le informazioni e le mutazioni concernenti sé stessi e quelli su cui si esercita la patria potestà o tutela relative allo stabilimento di residenza all’estero, cambi di residenza o abitazione che hanno luogo all’estero ed allo stato civile e di cittadinanza. Non sono iscritti all’AIRE i cittadini che si recano all’estero per cause di durata limitata non superiore ai dodici mesi o quelli che si recano all’estero per l’esercizio di occupazioni stagionali.

L’iscrizione all’AIRE viene effettuata:

per trasferimento della residenza da un Comune italiano all’estero, dichiarato o accertato. (Nel caso che il trasferimento all’estero sia già stato dichiarato al Comune, occorre presentare all’Ufficio Consolare la "dichiarazione di abbandono di residenza" rilasciata dal competente Comune e recante la data di iscrizione AIRE).

Si ricorda inoltre che:

I cittadini che trasferiscono la loro residenza da un Comune italiano all’estero devono farne dichiarazione all’Ufficio Consolare della circoscrizione di immigrazione entro NOVANTA GIORNI dalla data di arrivo. I cittadini residenti all’estero che cambiano la residenza o l’abitazione devono farne dichiarazione entro NOVANTA GIORNI all’Ufficio Consolare nella cui circoscrizione si trova la nuova residenza o la nuova abitazione. In caso di dubbio o di risultanze contrastanti sulla residenza all’estero, l’Ufficio Consolare anche con la collaborazione delle Autorità locali accerta la veridicità della dichiarazione resa e provvede ai conseguenti adempimenti. I cittadini italiani hanno l’obbligo di iscriversi all’AIRE e solo ad essi sono riservati i servizi consolari che per legge sono derogabili a tale categoria (es.: atti di cittadinanza, leva militare, rinnovo e rilascio passaporto, certificato doganale per il rimpatrio, autentica di firme etc.).



Un mio commento:

Elezioni Primarie, Fausto Bertinotti Premier può far riflettere.

 E`dalla riunione D.S. Unione Olanda tenutasi a Rijswijk in Olanda che prendo lo spunto per questa riflessione, cosa succederebbe se alle primarie ci sarebbe un trionfo di Fausto Bertinotti? In molti dicono no non esiste proprio, impossibile, fantasioso..., io dico sarebbe bello.
Penso: Mai come in questo periodo avremmo bisogno di un governo cosi, sia in Italia che in Europa e i segnali di questo bisogno sono molto  evidenti, i no alla Costituzione Europea di Francia e Olanda, nascondono un malcontento diffuso, portano in se molto di quanto fino a ieri prima non si voleva dire per educazione ma ora si comunica alla grande e senza remore, i vari tagli alla sicurezza sociale in un periodo di insicurezza sociale, di cambiamento velocissimo dei sistemi, fanno paura, la gente comincia a pensarci su seriamente e non c`e`la fà ad adeguarsi. Qui in Olanda poi il taglio all`assistenza, ai vari sussidi comunali che garantivano in qualche modo la sopravvivenza e evitano la povertà di una fascia di piu`deboli stanno sparendo, e la gente sta`pensando molto seriamente a che fare se perde il lavoro, e chiaro poi nel riflesso di tutto questo ne risentono pesantemente le fasce piu`deboli dei lavoratori che devono accettare i soliti ben conosciuti ricatti dei datori di lavoro, la disoccupazione come minaccia incalza e strano ma vero pure il lavoro nero incalza e si diffonde, le piccole ditte chiudono, chi ha il sussidio del comune non ha piu`le garanzie di vivere un periodo anche se momentaneo dignitosamente senza rovinarsi ora fa paura, e sembra che questo periodo si allunghi senza speranza di uscita, altro che riqualificazioni professionali e reinserimenti con programmi Europei, quelli servono solo a chi li fà, non alla gente che perde il suo tempo in corsi inutili, poi le leggi anti terrore, insomma tutto quello che di attuale sta succedendo e che viviamo sulla nostra pelle, dalla benzina a 1,5 euro prezzo in Olanda al taglio sul sociale, al pericoloso crearsi di isolamenti e malumori in questa società Olandese fino a ieri molto tollerante e garantista, ora le discriminazioni e intolleranze incominciano a farsi sentire e spesso sono pesanti, non si può non vedere e nascondersi dietro il proprio benessere.
Il significato di una candidatura di Fausto Berti notti avrebbe il senso della riflessione, di chi vuole essere responsabile e difendersi da questa piaga sociale che altro non fà che creare differenze incolmabili tra le classi sociali con tutti i pericoli che ne incombono, sarebbe una presa seria di coscienza e un serio tentativo di invertire questa tendenza. Ben Venga un governo che guarderebbe realmente alle esigenze della maggioranza delle famiglie quelle normali, a quelle che vivono con misere pensioni e bassi salari, nell`insicurezza sociale nella povertà, troppe sono le differenze le ambiguità e pochi sono i progetti seri e mirati, e credetemi anche qui in Olanda ci sono i poveri, e molti tra questi sono nella nostra comunità, solo che non possono nulla, e poco gli viene dato dall`assistenza sociale, e dal nostro consolato quasi nulla tra l`altro non dispone di un assistente sociale, oltre che a un serio budget per l`assistenza agli anziani, problema futuro nell`emigrazione da pochi considerato.
Sebbene l`Unione rappresenti per me quanto ora di meglio potremmo avere ed esprimere, sono sicuro che se vincesse Fausto Bertinotti ci sarà un momento di grande riflessione e umiltà e di questa ne avremmo veramente bisogno per ridimensionarci un pò per ritornare alla realtà, per capire che non tutti possono permettersi cose che spesso a noi risultano normali quali le vacanze o il poter pagare un mutuo,o il semplice poter andare a mangiare una sera in pizzeria, o altre cose piu`serie che in certe situazioni economiche si e`costretti a rinunciare, perciò mi auguro che ci sia questa riflessione, perche e`questo che ci caratterizza e differenzia dagli altri, per l`appunto l`accorgerci, il saper ascoltare, la solidarietà, il saper costruire progetti validi e concreti per tutti.

Per quanto riguarda le elezioni primarie qui all`estero e nel caso mio dell`Olanda le considero una vera perdita di tempo e denaro, per il semplice fatto che non esiste un programma esplicito e completo per gli italiani all`estero tutto è pensato solo per l`Italia elezioni primarie comprese, qui da noi votiamo per posta, con le primarie ritorniamo ai vecchi seggi, che se istituiti resterebbero vuoti, ma non solo non si troverebbero gli scrutatori come succede per le normali elezioni italiane all`estero, poi si farebbe confusione tra chi non ha piu`un età giovane, e con questo rispondo a Silvia Terribili che le vorrebbe.
Le elezioni italiane sono da sempre qui in Olanda un momento di meditata protesta contro la cronica malfunzione e carenza di mezzi del consolato, la divisione in appartenenza regionale ha portato a differenze di finanziamenti alle associazioni Italiane con allegate conseguenze, il risultato di questa politica del "No se pol, e del nose ga"ha generato tanta disaffezione con allegata poca fiducia verso le istituzioni figuriamoci verso le elezioni sia politiche che dei Com.It.Es. i risultati sono sotto gli occhi di tutti, queste cose hanno generato non solo astensione indignazione frustrazione e poco interessamento verso chi ha da sempre preteso e mai dato, ma astensione elettorale ha colpito anche l`ancora poco capito Com.It.Es. reo di esser stato spesso strumento di regalie finanziamenti, e portatore di piccoli privilegi e piccoli favori nonchè raccomandazioni per garantirsi voti e consensi, roba da far riflettere ma seriamente sul cosa succede e sul perche delle cose all `estero.

Ora per concludere e per ritornare al tema di apertura una candidatura di Fausto Bertinotti la vedrei per quello che lui ha da sempre espresso e difeso, la famosa base, la gente comune, e siamo in tanti ad essere comuni .

Dunque non le primarie all`estero, e non elezioni come momento di alternativa partecipazione politica, ma come momento di seria riflessione e impegno verso una comunità che genera espressione e voglia di cambiare, non dimentichiamo che la maggior parte di persone all`estero vota a sinistra  (c`e`già stata qualche idea strana per togliere il voto già sbilenco per le note scandalose difficoltà burocratiche dei vari ministeri addetti all`anagrafe elettorale dei cittadini all`estero), ma ora vuole che il voto sia utile per la comunità italiana all`estero la quale con la loro scelta comunicano non solo di esistere ma pure la loro volontà, e sarebbe un enorme errore non ascoltare o tradirne la fiducia ancora una volta, Qui all`estero abbiamo diritto ad una seria CONSIDERAZIONE, anche per poi poter sviluppare una buona PARTECIPAZIONE.

Elio Vergna  Rijswijk  Olanda




permalink | inviato da il 13/9/2005 alle 20:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 settembre 2005

Fausto Bertinotti Premier mai pensato ad una proposta cosi?

 E`dalla riunione D.S. Unione Olanda tenutasi a Rijswijk che prendo lo spunto per questa riflessione, cosa succederebbe se alle primarie ci sarebbe un trionfo di Fausto Bertinotti? In molti dicono no non esiste proprio, impossibile, fantasioso..., io dico sarebbe bello.
Penso: Mai come in questo periodo avremmo bisogno di un governo cosi, sia in Italia che in Europa e i segnali di questo bisogno sono molto  evidenti.
Un governo che guarderebbe realmente alle esigenze della maggioranza delle persone che vivono con misere pensioni, bassi salari, nell`insicurezza sociale nella povertà, troppe sono le differenze le ambiguità e pochi sono i progetti seri e mirati.
Sebbene l`Unione rappresenti per me quanto ora di meglio potremmo avere ed esprimere, sono sicuro che se vincesse Fausto Bertinotti  (e`aderente al progetto dell'Unione) ci sarà un momento di grande riflessione, e di questa ne avremmo veramente bisogno per ridimensionarci un pò per ritornare alla realtà, per capire che non tutti possono permettersi cose che spesso a noi risultano normali quali le vacanze o il poter pagare un mutuo,o il semplice poter andare a mangiare una sera in pizzeria, o altre cose piu`serie che in certe situazioni economiche si e`costretti a rinunciare, perciò mi auguro che ci sia questa riflessione, perche e`questo che ci caratterizza e differenzia dagli altri, per l`appunto l`accorgerci, il saper ascoltare, la solidarietà, il saper costruire progetti validi e concreti per tutti.
Qui finisco non vorrei scrivere un piccolo comizio, per quello ci saranno appositi spazi anche su questo blog. Vi invito a dare uno sguardo al sito di Fausto Bertinotti, è importante sapere che c`e`.
Vi abbraccio
  Elio


http://www.faustobertinotti.it/                                  




permalink | inviato da il 9/9/2005 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 settembre 2005


OPERAZIONE MAILING: NECESSARIO RISPONDERE ENTRO IL 30 SETTEMBRE

E’ partita l’operazione “mailing” che consiste nell’invio di un formulario a circa due milioni di connazionali che vivono all'estero al fine di consentire loro l’esercizio del diritto di voto. E’ necessario che tutti i connazionali che ricevono il plico rispondano entro il 30 settembre, restituendo il formulario ricevuto, con l’indicazione esatta del proprio indirizzo. Solo in questo modo sarà possibile uniformare gli elenchi delle anagrafi consolari con l'elenco dell'AIRE, Anagrafe Italiani Residenti all'Estero: requisito necessario per permettere a tutti gli aventi diritto di poter votare. Fino a questo momento i due elenchi hanno presentato delle differenze su circa due milioni di cittadini residenti all'estero, di fatto esclusi dal diritto di voto nelle precedenti consultazioni referendarie.
Seguiranno maggiori informazioni.
Fonte U.I.M. (Unione Italiani nel Mondo)




permalink | inviato da il 3/9/2005 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


1 settembre 2005

Ciao a tutti, oggi vi propongo di dare un occhiata al sito del Consolato Italiano di Amsterdam

Il sito del Consolato è: http://sedi.esteri.it/amsterdam/
quello che vorrei farvi leggere è un comunicato interessante a cui ho aggiunto solo un pò di colore, un saluto da  Elioweb

Ma e`pure giusto far conoscere che:

Un apposito registro è a disposizione del pubblico, per annotarvi eventuali lamentele, rilievi, osservazioni e suggerimenti sulle modalità di prestazione dei servizi.



Home | Uffici e servizi consolari | Orario per il pubblico | Come raggiungerci | Alcuni links



COMUNICATO


PER I CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO



In occasione dei referendum del 12 giugno 2005, ai quali gli italiani all’estero hanno potuto partecipare votando per posta ai sensi della legge 459/2001, si è riscontrato che non tutti i cittadini iscritti nello schedario consolare sono regolarmente trascritti all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) presso il proprio Comune d’origine o viceversa.


Si rende quindi necessaria una operazione straordinaria di verifica anagrafica, rivolta esclusivamente a tali connazionali, che ha lo scopo di confermare l’attuale residenza all’estero e l’esattezza dei propri dati anagrafici.


A questo fine, l’Ufficio consolare provvederà nei prossimi giorni ad inviare per posta, al recapito conosciuto, un PLICO contenente :

  • Lettera informativa

  • Modulo riportante i dati del connazionale conosciuti dall’Ufficio consolare, per la loro conferma od eventuale correzione a cura dell’interessato

  • Busta affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio consolare, da utilizzare per la restituzione del modulo


Il modulo va firmato e restituito all’Ufficio consolare il più presto possibile e comunque entro il 30 settembre 2005, allegando copia del proprio documento di identità .


La mancata restituzione del modulo entro il termine indicato comporta la cancellazione anagrafica del nominativo dallo schedario ove risulta attualmente iscritto


L’UFFICIO CONSOLARE E’ A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI PER QUALSIASI ULTERIORE INFORMAZIONE




Home | Uffici e servizi consolari | Orario per il pubblico | Come raggiungerci | Alcuni links







permalink | inviato da il 1/9/2005 alle 11:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


9 luglio 2005

Voto degli Italiani all`estero e un voto di SINISTRA, ora ci ripensano e qualcuno lo vuole togliere... Troppo comodo cosi !

8 Luglio 2005








"Siamo tutti londinesi"
Massimo D'Alema a colloquio con Ezio Mauro - Audiovideo 



Voto all'estero. Danieli, Pittella, Crema: "No alla cancellazione del voto proposta dal Governo"
16 giugno 2005



Voto per corrsispondenza. Danieli: Il Governo vuole cambiare le regole del gioco

9 giugno 2005




LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA: LA DELUSIONE DEGLI EMIGRATI

Anche all’estero abbiamo seguito con grande interesse la discussione in Senato della Riforma Costituzionale e debbo confessare che, personalmente, facevo il tifo affinché gli altri partiti della Casa delle Libertà non cedessero al ricatto della Lega Nord e quindi non si affrettassero ad approvarla. Invece il ricatto del Ministro Calderoli e degli altri ministri e parlamentari padani ha funzionato ancora una volta e la maggioranza di governo ha approvato in fretta e furia, anche al Senato, questa riforma criticata da quasi tutti i più noti costituzionalisti italiani e che metterà a grave rischio l’unità dell’Italia.
Ero, e resto, contrario a questa riforma (e come me lo saranno certamente anche quasi tutti gli italiani all’estero), innanzitutto, perché come emigrati sentiamo molto forte il senso dell’appartenenza all’Italia, forse ancor di più dei nostri connazionali in Patria. In secondo luogo perché, con la riforma, scompariranno i sei senatori eletti nella Circoscrizione Estero per cui nel Senato Federale non vi sarà alcuna rappresentanza degli italiani all’estero. Così che lascia stupiti la soddisfazione espressa dal Ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia, per l’approvazione di questa Riforma Costituzionale. Una soddisfazione motivata dal fatto che, comunque, la rappresentanza dei 18 parlamentari (12 alla Camera e 6 al Senato) della Circoscrizione Estero, prevista dall’attuale legge, resterà immutata numericamente poiché la scomparsa dei sei senatori verrà compensata dall’aumento del numero dei deputati da 12 a 18.
Si, siamo stupiti perché, come emigrati e come militanti nell’associazionismo regionale (personalmente in quello toscano), siamo testimoni diretti degli stretti rapporti e dei forti interessi che gli italiani all’estero hanno, già oggi, con le rispettive Regioni di origine, per le sempre più numerose competenze che esse hanno assunto ed avranno ancor di più in futuro anche a seguito della Riforma Costituzionale. Mentre, con questa stessa Riforma, gli italiani all’estero non saranno rappresentati nel futuro Senato Federale della Repubblica italiana e cioè proprio in quella Camera dove si discuterà e legifererà di materie di competenza delle Regioni che, per molti aspetti, li riguarderà direttamente. Pertanto, alla luce della recente legge sul voto all’estero, la Circoscrizione Estero, a mio avviso, poteva benissimo essere considerata come la ventunesima Regione italiana per permettere una sua rappresentanza anche nel costituendo Senato Federale.
In ogni caso per il referendum confermativo di questa Riforma Costituzionale, che sarà indispensabile, potranno votare per corrispondenza anche gli emigrati e così si potrà verificare come la pensano gli elettori italiani residenti all’estero! Sempre che questa legislatura duri abbastanza da consentire il doppio passaggio parlamentare della Riforma, e ciò non è assolutamente scontato alla luce di quello che sta accadendo in questi giorni nella maggioranza di governo. Una maggioranza che sembrava granitica ma che, dopo la batosta subita nelle recenti votazioni amministrative, si è invece sgretolata, tanto da costringere il presidente del Consiglio Berlusconi a dare le dimissioni per …..ricostruire un Berlusconi bis, pardon ter!

Dino Nardi
Presidente ITAL-UIL Svizzera
e membro CGIE

Zurigo, 3 maggio 2005





permalink | inviato da il 9/7/2005 alle 22:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Com.It.Es. in Olanda
4 Referendum
Informazioni da: D.S. e Unione
Circoli Italiani
Dall`Italia
Elezioni
Chiesa
L'Articolo da non perdere
Democratici di Sinistra
Immagini
Radio Onda Italiana
C.G.I.E. in Olanda
Prendici gusto
Unione Italiani nel mondo

VAI A VEDERE

Partito democratico voto italiani all'estero
Partito Democratico Trieste
ECOSY Giovani Socialisti Europei
Partito democratico
Comitato per Walter Veltroni Olanda
Unione Italiani nel Mondo
Patronato ITAL-UIL
Prendici gusto
D.S. In Olanda
dsonline
COMITES IN OLANDA
D.S. Germania Monaco
dsolanda blog
U N I O N E
D.S-Wolfsburg-Hannover
D.S. Svizzera
D.S. Belgio
D.S. e Partito Democratico
D.S. Trieste
D.S. Germania
D.S.Berlino
D.S.ONLINE TV
Lista Unitaria Progressista
Centro Italiano di Delft
Agenzia Internazionale Stampa Estero AISE
blogger democratici
CristianoSociali
ItalianiEuropei
Informazione Italiani nel Mondo
regione Friuli Venezia Giulia
Patronato ACLI in OLANDA
Patronato I.N.A.S. C.I.S.L.
C.O.I. Utrecht
Medici Senza Frontiere
Emergency
Crisi Dimenticate
informazione
Arcoiris TV
Luca Coscioni
editrice missionaria
Vita no profit on line
Beati Costruttori di Pace
Beresheet LaShalom
CIPMOCentro Italiano Pace in MedioOriente
Morasha Un Sito per Capire e molto di più
Sinistra in Israele
Nevé Shalom – Wahat as-Salam“ -
Israele-Palestina
Opposizione Israeliana
Per la pace in Israele e Palestina
PeaceReporter
Amnesty International
4 REFERENDUM
D.S. Olanda chi siamo
Unione Europea Libera circolazione delle persone asilo emigrazione

Partij van de Arbeid van Rijswijk
P.vdA
icaroflyon
GaetanoAmato
zadig
serafico
Rock No War
Rable
La Torre di Babele
garbo
effetto di senso
ilblogdibarbara
pensar
esperimento
wlamamma
Kilombo il metabolg delle sinistre
Gentecattiva
Narcomafie
Giuseppe Impastato
ITALIANI IN GERMANIA
IL Riformista
Den Haag
NESSUNO TV



Sito del Consolato Generale di Amsterdam
4 Congresso dei Democratici di Sinistra Firenze 18 / 21 aprile 2007

Blogger democratici

Il Blog di Eugenio MARINO 


alt
www.caffeeuropa.it
alt
www.reset.it













   
         Parlamento-pulito.gif

         

  





  

  


   
    4 SI Al REFERENDUM

 

 

http://www.rocknowar.org/files/rnw.asp










La Lista per un COM.IT.ES.
                   di tutti



                  L'UNIONE in
OLANDA







Diesse in Olanda,
erano piccoli ma... son cresciuti ora si chiamano P D

Torna all'home page

www.lilligruber.it 

Vai alla Homepage dell'associazione nazionale dei cittadini per l'Ulivo



     
                       

 




Trieste Friuli Venezia Giulia



Questo Blog sarà in Costruzione...perenne



CERCA